E un’altra volta è notte, e scrivo…

È l’1.30 di notte. Sono seduto sulle scale del pianerottolo. È una calda notte estiva, ma qui per le scale ho quell’equilibrio perfetto di clima ventilato, fresco e caldo allo stesso tempo, senza essere nè freddo per colpa dell’aria o appiccicoso per il caldo.
Sono stanco, ma cerco di resistere: vorrei provare a finire di leggere questo saggio da cui sto estrapolando i passaggi che potrebbero servirmi per la tesi, così domani mi resta solo da rielaborare i passi utili senza dover tornare all’originale.

C’è un odore, leggero ma persistente, di sigarette: la vicina viene sempre qui a fumare, sul ballatoio proprio davanti alla sua (e alla mia) porta d’ingresso.

Sullo sfondo si sentono delle auto passare, qualche moto. Un fruscio persistente, un ronzio di fondo, una vibrazione continua e leggere. La grande città è viva anche di notte.

E i tasti del mio computer mentre scrivo.

È un’altra volta è notte, e scrivo… 
Questa volta però è per la tesi. Tranne questo breve interludio sul blog, per fare una breve pausa e perché mi andava di scrivere.

È buffo… sono in uno dei periodi più stressati e stressanti della mia vita. Ancora 3 esami da dare e tesi da finire entro 2 settimane, non per colpa mia per un sistema balordo e malato. Ritmi forsennati per stare dietro a tutto, alternati a mattinate buttate via perché proprio non riesco a concentrarmi.

Eppure… ora sono qui, in una calda ma fresca serata estiva, a leggere un saggio che mi sta entusiasmando e appassionando (risultato notevole, per un saggio!!) a godermi la serenità della notte.
Lo stress è lontano. Ci sono io, un saggio interessante, i rumori della notte e un blog su cui scrivere

E un’altra volta è notte, e scrivo
non so nemmeno io per che motivo,
forse perché son vivo…
ma intanto sono sereno. Scusate se è poco.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in #Comunemente: un blog come tanti altri, Deliri di notte, Pensieri sparsi e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a E un’altra volta è notte, e scrivo…

  1. sn185 ha detto:

    E pensare che io scrivevo praticamente solo la notte, da poco ho scoperto che lo si può fare anche nelle ore diurne 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...