Sprazzi di bloggosità

Il problema di questo blog è sempre stata la sua natura ibrida.
In parte blog pubblico, con post dove affronto argomenti che mi stanno a cuore (spesso di attualità) che poi condivido su Facebook e a volte pure via email per allargare la discussione a più persone possibile.
E in parte blog più “tradizionale”, dove vi racconto i cavoli miei.

Il punto è che la maggior parte dei blogger che mi segue è interessata al secondo tipo di contenuti. Calcolate quindi che 1) parte di quello che pubblico non rappresenta il contenuto ideale di un blog personale e 2) sommate il mio pessimo rapporto con la regolarità e la frequenza nel fare qualcosa, ecco che diventa difficile “fidelizzare” un pubblico di lettori.

Detto questo, più di tanto non ci posso fare nulla: sono un casinista discontinuo e credo continuerò ad esserlo; mi interessano un sacco di cose diverse e continuerò a postarle tutte qui sul blog in ordine sparso. Come già detto, il blog è registrato unicamente con il mio nickname proprio per indicare che qui trovate me, con tutto il mio disordine, varietà ed annessi e connessi di interessi variegati.

Eppure voglio continuare. Nell’ultima settimana sono stato più preso del solito e il blog è decaduto dalle priorità: non solo non ho scritto più niente, ma non ho più neanche letto niente di quelli che seguo.
Stasera ero molto cotto, dalla giornata e dalla settimana, tanto che sono stato tentato di saltare gruppo all’oratorio. Alla fine però sono andato e la serata è andata così bene che mi ha persino dato la carica!
Quando sono tornato a casa, quindi,
nonostante mamma abbia sottolineato abbondantemente come io vada a dormire troppo tardi (Considerazione 1: ma tu guarda che uso disinvolto dei congiuntivi! Il liceo è servito a qualcosa! Considerazione 2: So che mi leggi, quindi ciao mamma, e anche ciao papà!) mi sono ritagliato/regalato un po’ di tempo per leggere gli arretrati e devo dire… che mi era mancato.
Per quanto riguarda la mia vita e i miei impegni, il blog e i blog sono una piccola nicchia che però mi piace e voglio cercare di mantenere il più possibile. Sia perché a volte leggi veramente dei piccoli capolavori (tipo questo), sia per mantenere un contatto (sia pure solo a livello di lettura) con altre persone che –come te– a volte si avvicinano ad una tastiera e scrivono cose.

Il punto è che ne avrei di cose da scrivere sul blog, ma spesso proprio mi manca l’energia mentale o più banalmente la volontà, e l’intenzione non diventa atto. Al tempo stesso, progetto e penso a nuove rubriche da avviare quando neanche sono riuscito a mantenere l’unica che avevo iniziato seriamente.
A maggior ragione, se ho sprazzi di entusiasmo scrittorio e lettorio, come stasera, li sfrutto come si deve.

Il weekend si prospetta interessante (lunedì ci sono due esami e uno è quello di chitarra), la settimana che inizia è fitta di impegni come al solito, è quasi l’una e domani mattina devo andare a lavorare non presto ma neanche tardissimo: urge concludere.

Ci si legge prossimamente (spero), su questi schermi.

P.s. Aggiornamento per chi avesse letto il post precedente. Non mi sono disintossicato da Frozen, mi sono solo lentamente assuefatto. Man mano il suo potere su di me sta lentamente diminuendo. (Lentamente.)

Rimane indubbiamente la canzone più ascoltata della settimana, in tutte le sue versioni. Anzi, ho pure scoperto quella in francese che mi piace pure molto!
Il bello delle canzoni Disney è che traducendole nelle varie lingue cambia il testo, che pur rimanendo fedele come contenuto, di volta in volta può avere sfumature differenti. E anche questa interpretazione mi è piaciuta parecchio! Sorriso

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in #Comunemente: un blog come tanti altri, Pensieri sparsi e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Sprazzi di bloggosità

  1. avstron ha detto:

    non chiedere scusa perché non ci sei, e non sbatterti perché sei incostante: ci fa piacere sentirti quando scrivi!
    Il blog dovrebbe essere un piacere, non un obbligo che ti pesa sullo stomaco 🙂
    … certo non andrebbe mai usato come strumento di procrastinazione 😛

    • Benguitar90 ha detto:

      procrastinazione dici?

      ehm ehm ehm…

      Cmq chiedo scusa un po’ a me e un po’ a voi, è che io vorrei riuscire a scrivere di più!! 🙂

      • avstron ha detto:

        sì, sì, ti ho capito, capito? Non credere che non ci siamo accorti che procrastini parecchio. Conosciamo quel trucco. Come sa chi segue il mio blog personale, io praticamente lo aggiorno solo durante le sessioni d’esame 😛

        Cazzate a parte: figlio ma ti sei mai fatto una lista verticale di tutte le cose che fai? È normale se non arrivi a far tutto! 😀
        ma ti lovviamo lo stesso, Ben 🙂

  2. Orso Chiacchierone ha detto:

    Mi sono accorto del tuo passaggio nel blog! 🙂
    Capita a tutti di dover o voler abbandonare per un attimo un un po’ di più il proprio blog, soprattutto per quelli che hanno tante altre cose da fare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...