A volte ritorno

Dopo almeno 10 anni di partecipazione, prima da animato e poi da animatore…
Dopo 4 anni di assenza, dovuti alla mia permanenza torinese che non mi permetteva di partecipare alle prove e alla preparazione in generale…
Considerato che era l’ultima sfilata con don Marco responsabile dell’OdB…
Nonostante non avessi fatto neanche una prova…
Andando a scegliere solo il costume il giorno prima e a ritirarlo neanche un’ora prima di sfilare…

Quest’anno sono tornato a fare il carro di Carnevale dell’oratorio.
In grande stile.

DSC00037Il tema era i pirati. Si capisce, no?

DSC00051Il nostro splendido carro, che fra una balla e l’altra non si è capito se siamo arrivati primi o secondi,
ma era una blessa veramente.

DSC00052

IMG-20140303-WA0001Ed ecco il gruppo di imbucati, infiltratosi senza neanche una prova (con alcune eccezioni)
per puro diritto di anzianità in oratorio!

(Comunque saltare le prove è un casino. Già ai tempi ero negato con i balletti, figuriamoci ieri.)

DSC00062Con il mitico Carlo. Il leader indiscusso della sfilata.

DSC00065

E ovviamente il nuovo cane lo portiamo alla sfilata,
giusto per traumatizzarla un po’ subito come si deve.
DSC00056

 

Bilancio della giornata.
Anche se siamo rimasti in piazza ad aspettare per più di un’ora prima di partire, nonostante fossimo pronti.
Anche se sono stato sabotato dai miei amici maschi e del nostro solito giro c’erano solo le fie.
Anche se poi alla sera ero cotto totale.

Decisamente, ne valeva la pena. Sorriso

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in #Comunemente: un blog come tanti altri, Eventi & Avvenimenti e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a A volte ritorno

  1. kat ha detto:

    ti rivelerò un segreto: tutti i migliori sono negati coi balletti (io se solo penso di respirare già sbaglio i passi) xD
    di cos’era fatta la barca? sembrano mele.

    • Benguitar90 ha detto:

      Sì, erano mele! 🙂 E kiwi! 😉

      C’erano due categorie per la gara, una sponsorizzata dalla Coldiretti (e quindi devi usare la frutta), l’altra i soliti carri.
      Quindi quelli piccoli tipo l’oratorio (che avevamo 220 bambini, ma soldi per fare il carro ce ne sono sempre pochini) riescono a cavarsela così! 🙂

      • kat ha detto:

        però non è un po’ uno spreco farlo di frutta? a meno che poi non sguinzagliate tutti i bambini a mangiarsi il carro xD

        • Benguitar90 ha detto:

          Non mi fare domande difficili che non ne so niente!! 😛
          Ti posso solo dire che siamo uno dei primi poli frutticoli d’Italia, forse il terzo, quindi ce n’è in abbondanza.
          (In effetti la domanda è sensata, ma credo che ci sia dietro un discorso di marketing/valorizzazione del prodotto…)
          A loro discolpa potrei dire che non erano poi così tante, alla fine…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...